Malesia
Inserito il: 19-03-2020 - Autore: Manuela Cuccurullo
Ebbene si, il tempo non manca, ed è un occasione questa per dedicarmi a ciò che gia da tempo avrei voluto fare... Stacchiamo per un attimo la spina dal Coronavirus, covid-19 e quarantena per fuggire con la mente direttamente in Malesia! 
Viaggiare è sicuramente tra le attività piu terapeutiche che si possano fare: aprire la mente, conoscere culture, relazionarsi con il resto del mondo, assimilarne tradizioni, pregi e difetti di ogni paese per tornare con qualche conoscenza in più.
Il nostro viaggio in Malesia si è svolto in tre tappe: ogni tappa studiata affinchè risultasse complementare alle altre.
La prima tappa Kuala Lumpur e Malacca. 
Kuala Lumpur, così tecnologica, immersa tra tanti grattacieli e centri commerciali immensi.... ma allo stesso tempo cosi colorata, viva e ospitale.
Passeggiando tra le strade di KL non è difficile ritrovarsi in un mercato di street food, immersi tra musica, cibo, riti, colori e danze. 
Un'esperienza meravigliosa è stata sicuramente visitare (grazie all'utilizzo dell'App GRAB che consiglio vivamente a tutti coloro che si trovano a visitare paesi del sud est asiatico ed hanno necessità di spostarsi in Taxi) le Batu Caves, site leggermente un po fuori città...occhio solo alle scimmie che popolano la lunga scalinata, possono talvolta essere anche un po aggressive ;).
Da li ci siamo diretti poi verso Malacca: un piccolo paesino con casette colorate, negozi di antiquariato, circondato da un caratteristico fiume che attraversa la città. 
Il paesino richiama il perfetto stile olandese e portoghese, molto carino e vivace, famoso per i loro tuk tuk abbelliti dai proprietari nei modi più fantasiosi possibili in stile cartoon che sparano Musica a palla. 
Non abbiamo resistito, il richiamo della sigla di Holly e Benji cantata da Cristina D'Avena è stata troppo forte per Alfredo, e ci siamo fatti un giro anche noi!
La seconda tappa del nostro tour, raggiunto attraverso un volo interno, è stata la regione del Sarawak
Abbandonata la capitale tecnologica e moderna della Malesia, ci siamo trovati catapultati in una realtà totalmente nuova: piccole cittadine poste nel bel mezzo della foresta del Borneo.
Atterrati a Kuching, capimmo sin da subito che in questo angolo remoto della Malesia, era la Natura a fare da Padrona.
Le nostre aspettative riguardo al rafting, visita alle longhhouse e il tour nella foresta pluviale non sono assolutamente rimaste deluse. 
Immergersi nella foresta “Bako National Park” è qualcosa di unico. 
Ascoltare solo i suoni della natura, percorrere i canali del fiume in caratteristiche barche, aggirarsi tra le mangrovie, esplorare sentieri notturni illuminati solo dalla luce delle Lucciole, perdersi nei profumi della vegetazione, entrare in stretta connessione con la terra, un esperienza che consiglio a tutti di vivere almeno una volta nella vita. 
Abbiamo percorso in lungo e largo questa foresta pluviale incontaminata, e lungo i numerosi tratti del parco abbiamo osservato le meraviglie della natura: scimmie, macachi, varani giganti, coccodrilli, cervi, cinghiali selvatici, uccelli, flying fox.. 
Ripercorrendo questi ricordi si riesce ancora a sentirne forte l'emozione, è stata una di quelle esperienze che sarà difficile da dimenticare, sicuramente uno dei posti più belli che abbiamo avuto la fortuna di visitare... sembra di ritrovarsi in uno di quei scenari da film.... perfetto stile Indiana Jones :))))
L'ultima tappa di questo meraviglioso Tour sono state le isole Perhentian
Non aspettatevi strade, alberghi di lusso, confort, locali... dimenticate tutto ciò e siate grati a cio che la natura vi dona e capirete che basta davvero poco per essere felici, e che tutto cio che per noi oggi è diventato essenziale, in fin dei conti tanto essenziale non è...
ricordo in quei giorni di aver preso solo poche volte il telefono tra le mani... difficilmente ti capiterà di sentirne il bisogno :) 
Il nostro augurio è che l'isola rimanga a lungo incontaminata così come abbiamo avuto noi la fortuna di conoscerla.
Le Isole Perhentian sono costituite da due isolette: la grande (Besar) e la piccola (Kecil). 
Ogni zona delle Perhentian è raggiungibile solo ed esclusivamente in barca, vedrete spiagge bianche incontaminate, potrete nuotare con tartarughe marine e toccarle, tuffarvi in un acquario marino, vedere migliaia di pesci colorati, squali, razze, godere di tramonti incredibili e luminosissimi cieli stellati (preparatevi ad affrontare anche qualche piccolo rovescio, in quelle zone non è un evento insolito) ...e come se non bastasse nutrirsi solo ed esclusivamente ogni giorno di pesce fresco ad un prezzo bassissimo, ed ogni sera braciata in riva al mare; che dire, non credo si possa desiderare di meglio, sopratutto se come noi vi capita poi di condividere le serate con persone speciali...  
Siamo rimasti incantati da tutto ciò, di quanto la natura possa essere cosi meravigliosa... stare li, riscoprire il valore del tempo che scorre e fermarsi a contemplarla non ha prezzo...
La Malesia è sicuramente un posto unico... magico, ospitale, colorato, vivo....
In un momento storico in cui scendendo di casa per le prime necessità ci si imbatte in sguardi diffidenti e impauriti dal contatto umano, ricordare l'ospitalità, gli abbracci, le strette di mano dei Malesi, capisci che quello che sta attraversando il mondo ora è solo un bruttissimo capitolo della vita Umana, e che ben presto tutto passerà.. 
Terima kasih Malaysia!
Post letto: 1096 volte

Utilizziamo i cookie per offrirvi la miglior esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare sul sito, l'utente accetta di utilizzare i cookie. Per maggiori informazioni vai su PrivacyCHIUDI